Bastano piccole azioni per grandi cambiamenti

Il 2003 segna l’anno in cui Fratelli dell’Uomo stabilisce di formalizzare e sviluppare il settore che si occupa delle relazioni con il territorio, inteso nella sua varietà di soggetti, dal pubblico al privato. Lo strumento principale per dialogare con i diversi contesti in cui siamo presenti è da sempre l’ideazione di format originali e innovativi, di animazione culturale e di sensibilizzazione. L’obbiettivo è spiegare alle persone che ogni nostra azione quotidiana ha inevitabilmente effetti a catena in tutto il mondo e che questo sistema di cause e conseguenze per migliorarsi e rendersi più equo per tutte le popolazioni del Pianeta può partire solo dal rivalutare piccole azioni del nostro quotidiano ed avviare cambiamenti concreti che migliorano le nostre condizioni di vita e di conseguenza anche quelle delle popolazioni con cui da anni collaboriamo nel sud del mondo. Solo la conoscenza di questi meccanismi favorisce la creazione di una consapevolezza ed approccio critico capace di avviare cambiamenti nel lungo periodo.

Il lavoro con il territorio richiede la necessità di ideare modelli di comunicazione di coinvolgimento delle persone che tengano conto della varietà di soggetti che lo abitano per avvicinare ai temi dello sviluppo anche chi forse non ci aveva mai riflettuto o che ancora è convinto che i problemi e le privazioni siano affare dei paesi poveri e “sottosviluppati” lontani dall’Italia.

 

Alcuni esempi: la nascita delle mostre fotografiche come strumento che avvicini con le immagini a racconti dal mondo, l’ideazione di un corso di cucina che partendo dal valorizzare le risorse del nostro territorio ci porti a viaggiare e conoscere altri paesi del mondo, installazioni di piazza, animazioni nei locali in cui si aggiunge all’intrattenimento la necessità di conoscere gli effetti dei nostri stili di vita e molti altri eventi in continua creazione, stimolati dal nostro dialogo e scambio con il territorio locale.